Mario Leoni

Mario Leoni
(1847 – 1931)

Mario Leoni (il suo nome anagrafico era Giacomo Albertini) nacque a Torino il 2 agosto 1847.

Commediografo in lingua italiana (Il divorzio di una vedova) e scrittore (Ël sàut dla Bela Àuda – Legenda e stòria dla Sagra ‘d San Michél; Luisa d’Ast; racconti di argomento storico, ecc.), collaboratore di giornali e riviste, fu deputato al Parlamento e, per oltre un ventennio, assessore e consigliere comunale nella sua città d’origine.

Autore nel campo della drammaturgia piemontese di rara potenza drammatica, attento alle situazioni e alle vicende sociali del suo tempo fu considerato dai contemporanei alla stregua di un Vittorio Bersezio, anche per il suo linguaggio – l’osservazione è di Gianrenzo P. Clivio – «contraddistinto da impressionante realismo, punteggiato di termini e locuzioni fortemente colloquiali e talora gergali, che si compone in dialoghi che sono sovente scambi di battute ironiche o beffarde, tipiche del piemontese plebeo». Muore sempre a Torino il 2 maggio 1931.

Meraviglia – l’osservazione è ancora del Clivio – che di questo autore «manchi almeno una scelta delle opere teatrali a stampa e l’assenza di uno studio critico serio sui suoi lavori: certo, egli ci sembra, fra gli autori del teatro piemontese, uno dei più valorosi, attento e sensibile alle suggestioni del naturalismo francese ed intelligentemente impegnato a ritrarre obiettivamente i mali e i malati morali della società».

Le sue opere principali: Ij bancarotié, Luisa d’Ast, Ij spaciafornò, Ij mal marià, Sconde nòsse, Un subrichet, Ij baraba, Ël bibi, La fija dël bòrgno, Le fomne brute, Le fiëtte, Ij mal nutrì, La corsa dj’aso, Le sartoirëtte, An nòm dla lege, L’América, Ël drit ëd vive, Un grop e na lengassa, La bela Gigogin, La trincea dij bersalié, L’erbo dla libertà, L’arch an cel, Ij pecà dj’àutri, Ël moros ‘d mia fomna, La frev dël dné, Ij misteri dël pian nòbil, Le prime viòle, Le blësse dl’ànima, L’anel ‘d famija, La scarpin-a ‘d Lidia, Fum e fiame, Dal prim pian a la sofiëtta, La bataja ‘d San Crispin.

(p.g.g.)


 Mila agn ëd Literatura Piemontèisa

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman