Ha sostenuto l’esame di terza media in sardo. In limba ha parlato di bioedilizia, case campidanesi in terra cruda ma anche di E. Lussu e D.H. Lawrence.

Cagliari, sostiene l’esame in limba – Tredicenne sorprende i professori

Riccardo Laconi, studente della Terza B dell’Alfieri di Cagliari, questa mattina ha sorpreso ed entusiasmato la commissione d’esame. Innamorato della Sardegna e della sua cultura, si è preparato un discorso in ‘limba’ per affrontare la parte che riguarda Tecnologia ed è riuscito a rispondere prontamente sempre in sardo, a tutte le domande.
 
Per l’occasione anche la presidente della commissione non ha voluto perdersi l’interrogazione di questo alunno brillante in tutte le discipline. Ha iniziato la docente di inglese, si è rivolta al ragazzo in sardo, chiedendogli di motivare la sua scelta. “Vorrei esprimermi in sardo, perché non è un dialetto, ma una lingua come l’inglese o il francese – ha esordito Riccardo – attraverso la sua conoscenza entriamo in contatto con la cultura e le tradizioni di questa terra”. Poi ha preso la parola Rina Pinna, docente di tecnologia. L’alunno su sua sollecitazione ha esposto il lavoro fatto con power point attraverso immagini e video per illustrare l’importanza della bioedilizia per uno sviluppo ecosostenibile del territorio, attraverso l’utilizzo delle risorse locali. “La lana sarda aiuta la bioedilizia”, ha scritto nella parte dedicata a Daniela Ducato, coordinatrice del Polo produttivo per la Bioedilizia La Casa Verde CO2.0 e imprenditrice di Guspini pluripremiata in campo europeo per le innovazioni ambientali.

“Sono orgogliosa – afferma la docente di tecnologia – Riccardo mi ha fatto capire che sono riuscita a trasmettere agli studenti l’importanza della nostra lingua e soprattutto che il sardo non è un dialetto come molti reputano, ma una vera lingua”.
 
L’Unione Sarda, 21 giugno 2013 

PERCHÉ IN PIEMONTE NO? PERCHÉ?

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman