Salvaguardia delle Gallerie di Pietro Micca: ferma e civile protesta dei Torinesi in Consiglio comunale.

20151130b

[Turin 30.11.2015] Protesta stamattina in Consiglio comunale a Torino da parte del Comitato Pietro Micca contro la realizzazione del parcheggio interrato in corso Galileo Ferraris – che ha distrutto la secentesca Galleria Magistrale della Cittadella sotterranea di Torino – e il nuovo progetto, che non prevederebbe l’accessibilità e il percorso di visita ai resti rinvenuti durante gli scavi.

Dopo le dichiarazioni rilasciate ai giornali dall’assessore Lubatti in merito a un fantomatico “parco” che salvaguarderebbe le storiche gallerie ritrovate, il consigliere Fabrizio Ricca ha presentato un’interpellanza per conoscere il punto della situazione del nuovo progetto modificato.

Purtroppo il Comune, secondo quanto riferito dall’assessore, non intende andare al di là di un minimale accesso al Pastiss, con un percorso di visita formato da cartelli indicatori e con l’inglobamento dei preziosi reperti nel parcheggio stesso (sic!): un po’ come si è fatto a Porta Palazzo con le antiche Ghiacciaie e in piazza San Carlo con il Ponte di Vittorio Amedeo I. Il solito “parco giochi” alla Comune di Torino: quattro cartelli dei quali uno viene scarabocchiato, l’altro investito da una macchina, fino a quando il Comune ne approfitta per toglierli mentre nessuno ci pensa più.

I reperti, che in un primo momento il Comune intendeva distruggere, dopo il consapevole intervento dei Torinesi sensibili alla storia della città sono ora considerati “da salvaguardare”. Una repentina marcia indietro che si commenta da sola.

Il Comitato Pietro Micca, invece, insiste nel chiedere la chiusura definitiva del cantiere, la ricostruzione con i mattoni originali della Galleria Magistrale proditoriamente demolita, nonché il ripristino dei collegamenti con la fortezza cinquecentesca del Pastiss; quindi la realizzazione di un parco archeologico inserito in un polo museale che, raccordando il Museo Pietro Micca, il Museo dell’Artiglieria e lo stesso Pastiss, costituirebbe un monumento unico al mondo e un doveroso omaggio alla storia di Torino.

La protesta è consistita nella civile e silenziosa esposizione di manifesti che richiamavano alla sensibilità verso la storia di Torino. Il presidente ha immediatamente sospeso la seduta e invitato la forza pubblica a sequestrare i manifesti e ad allontanare dalla tribuna il nutrito gruppo di cittadini presenti in rappresentanza del Comitato Pietro Micca e della cittadinanza.

Il progetto modificato passerà prosssimamente dalla Commissione e dal Consiglio, dove verrà valutato da tutti i Consiglieri che – in forma trasversale – hanno preso a cuore la difesa della storia e dell’identità torinese. I cittadini rappresentati dal Comitato Pietro Micca, anche se mai coinvolti, saranno presenti.

20151130a


Protesta del Comitato Pietro Micca in Consiglio Comunale durante la discussione sul parcheggio “Galileo Ferraris”. Ottenuto ora che il progetto definitivo venga presentato entro fine anno! LA NOSTRA STORIA NON SI CANCELLA! (Cons. Fabrizio RICCA)

Oggi noi del Comitato Pietro Micca siamo stati sbattuti fuori dal loggiato del Consiglio comunale perché avevamo aperto in silenzio i manifesti di contrarietà al parcheggio di corso Galileo Ferraris dove sono stati ritrovate le gallerie e i bastioni della Cittadella.
Però quando l’assessore Lubatti ha parlato dei ritrovamenti come “beni artistici” e del loro inglobamento nel parcheggio interrato con un cartellone in superficie che ne racconti la storia non abbiamo resistito. “È da barbari, recitano i manifesti che troverete affissi anche in circoscrizione 1, nascondere la nostra storia. Non valorizzare quei ritrovamenti lasciandoli en plein air e visitabili ai turisti e, inseriti in un percorso che comprenda il Maschio della Cittadella, il Pastiss e il Museo Pietro Micca, è una sottrazione alla nostra storia cittadina che un parcheggio non può certo compensare. (Viviana FERRERO)

Vi ho difesi e mi sono beccato gli improperi dei piddini, brrr sto ancora tremando dalla paura. (Cons. Maurizio TROMBOTTO)

► Parking Galileo, protesta a Palazzo Civico: “Salviamo la nostra storia”


20151201 Cronaca Qui

L’ultima volta che ci hanno detto di stare tranquilli hanno poi demolito una galleria, aspettiamo di vedere il progetto definitivo per capire se stavolta si vuole difendere il patrimonio artistico o l’industria del cemento.

Un grazie speciale al “Comitato Pietro Micca” senza il quale questa battaglia non sarebbe stata la stessa! (Cons. Fabrizio RICCA)


 Approfondimenti

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman